martedì 12 febbraio 2013

Mercato contadino..dopo il terremoto

Rieccoci qui..il progetto Mercato Contadino è stato purtroppo interrotto dagli infausti eventi che tutti conosciamo. Il terremoto del maggio 2012 ha purtroppo devastato il nostro centro storico. Solo oggi possiamo annunciarvi che il progetto è stato ripreso in mano e che il mercato contadino inizierà il 20 MARZO 2013 ogni mercoledì dalle 17.00 alle 20.00.

lunedì 14 maggio 2012

Il mercato contadino a Reggiolo

A Reggiolo da giugno partirà il mercato contadino. Si svolgerà dalle 17.30 alle 20 tutti i martedì, in piazza davanti alla Rocca, zona Pesa Pubblica.


Mi sento in dovere di scrivere due righe sul come è nato e sul perché.

Arrivare al mercato contadino è stato un processo lungo, concertato e soppesato con il coinvolgimento di tutti quelli che hanno partecipato alla Cesta di Artemide in questi mesi.


Si è reputato di fare questa scelta per diciamo varie ragioni:

- la prima è che il nostro gruppo d'acquisto SOLIDALE non ha visto l'impegno di tutti, ma piuttosto dei soliti 3 o 4...questo per ragioni di impegni, impegni che peraltro abbiamo anche noi, che ci siamo occupati di tener viva la Cesta in questi anni, impiegando tanto tempo in questa attività di volontariato gratuito che facciamo perché ci crediamo molto.

- Viste le lamentele per l'organizzazione non sempre efficiente del giovedì abbiamo pensato, insieme agli altri, di delegare questo momento di acquisto all'amministrazione (ovviamente continuando a dare un attivo contributo).

Inoltre la necessità secondo noi di dare la possibilità anche ad altri produttori di rifornire il GAS, perché riceviamo tantissime mail, ma per questioni di tempo e di impegni che non vengono condivisi dal gruppo non riusciamo a starci dietro..

- Terza ragione anche quella di aprire ad un pubblico più ampio il nostro mondo.

Il regolamento che ne è venuto fuori è per ora in fase sperimentale, per certi punti di vista un pò un compromesso con l'amministrazione comunale oggi in carica (tutti i consiglieri hanno votato a favore, quindi tutte le varie fazioni politiche). Sottolineo il fatto che è stata condivisa per il fatto che tutti quelli della Cesta sono stati invitati in Comune sia in occasione della discussione del regolamento e sia nel momento dell'approvazione (alcuni sono venuti, tanti no, quelli che non hanno partecipato l'hanno fatto per loro motivazioni su cui assolutamente non discuto).



Al più presto vi invierò il regolamento ufficiale che è stato redatto insieme al personale del Comune di Reggiolo.

Quello che vi posso anticipare visto che ho presenziato alle due riunioni citate sopra..e anche ad una riunione post approvazione.

- le certificazioni ammesse non sono solamente bio ma anche DOP, DOC, ecc.

- non sono ammessi prodotti che non sono coltivati in provincia di Reggio Emilia o a più di 30 km di distanza da Reggiolo, in nessun caso!!!

- il mercato è gratuito per i fornitori per tutto il primo anno

- le regole per la partecipazione dei produttori prevedono una varietà dei prodotti forniti (quindi più generi e non tutti dello stesso tipo), e una priorità a chi è in possesso delle certificazioni, la selezione è decisa dal nostro gruppo insieme con l'amministrazione (quindi in un certo senso avremmo il compito TUTTI noi della CESTA di VIGILARE sui fornitori e di sceglierli)

- tutti i fornitori devono obbligatoriamente esporre un cartello che indichi se sono biologici o no, come coltivano, cosa coltivano, dove ecc.

Chi volesse partecipare come fornitore deve mandare una mail entro la fine del mese a e.fantini@comune.reggiolo.re.it

Sono convinta che tutti voi capirete l'impegno e le buone intenzioni, la volontà e la fiducia che io, Carol e tutti quelli che hanno strettamente collaborato a queste cose (Giampiero, Giusy, Anna, Cristina..ecc) abbiamo messo in queste cose e vi invito ancora a darci una mano e a partecipare nel limite del possibile.


Elena

lunedì 31 ottobre 2011

Laboratorio gratuito di cosmesi naturale fai da te


Sabato 12 novembre dalle 16 alle 18
presso il nido "Bamby" di Reggiolo
Il laboratorio è strutturato per dare modo ai genitori di lavorare con i propri figli (minimo 4 anni); le iscrizioni sono comunque aperte a tutti ma la priorità verrà data alla coppia genitore/bimbo.
Massimo 10 partecipanti (bimbi a parte)
Iscrizioni entro il 5 novembre tramite sms al n. 340-3965102 o alla mail:ginacarolina76@gmail.com
Preparazione dei seguenti prodotti : detergente viso, crema mani, deodorante, dentifricio, balsamo labbra.
I prodotti vengono preparati con ingredienti naturali, anche di tipo alimentare, perciò facilmente reperibili. Ogni laboratorio pratico è accompagnato da una dispensa con tutte le informazioni di base, le ricette realizzate nel corso e le relative indicazioni bibliografiche. I prodotti preparati vengono portati a casa dai partecipanti, che così possono verificare in prima persona l’efficacia degli stessi.
Pochi ingredienti, semplici gesti per avere prodotti ecologici, economici ed etici.
L'iniziativa è completamente sostenuta dal COMITATO GENITORI DI REGGIOLO

martedì 18 ottobre 2011

Cesta di Artemide: autunno 2011


La Cesta di Artemide quest'autunno ritorna al sistema cassette! Con l'arrivo del freddo ci sono prodotti differenti, per di più cose non immediatamente deperibili, per questo motivo ci organizziamo per l'acquisto settimanale di frutta e verdura mandando una email al nostro fornitore Carlo Breviglieri info@zibramonda.it indicante la quantità e i prodotti scelti. La email dovrà essere inviata entro il lunedì della settimana stessa del ritiro. La cassetta dovrà essere pagata e portata a casa il giovedì dalle ore 19.15 alle ore 19.30.

Per il resto degli acquisti collettivi, ci stiamo organizzando!

Sicuramente previste le buonissime arance siciliane come ogni anno, acquistabili a cassetta. Per info cestadiartemide@gmail.com

Per gli altri prodotti: olio, pasta, cosmetici o altro abbiamo bisogno di qualcuno che ci aiuti ad organizzare e a prendere gli ordini.

Per aderire e aiutarci nelle nostre iniziative contattateci!

Elena e Carolina

giovedì 29 luglio 2010

Gaia: artigiana feltraia per vocazione

Chi lascerebbe il proprio lavoro per avventurarsi in un progetto incerto, antico ma sconosciuto, affascinante ma poco apprezzato dalla moda, impegnativo, lungo, senza orari ma con il piacere e la soddisfazione che solo i lavori manuali e creativi possono dare?

Al giorno d'oggi pochi azzarderebbero un mossa come questa ma Gaia non ha dubbi: questa, dice, è la vita che voglio e non ho nessuna intenzione di tornare indietro!


Prima di tutto conosciamo la materia prima con cui Gaia lavora: la lana.
Ma non lana qualsiasi lana rigorosamente italiana, la stessa che i pastori sono costretti a smaltire come rifiuto speciale perchè nessun mercato è interessato ad acquistarla; da quando si è diffusa la lana di pecore Merinos tutte le altre varietà di lana non sono più apprezzate e hanno perso mercato.
La lana delle percore italiane si lavora con più difficoltà e non è l'ideale per creare abiti, lo è invece per realizzare accessori, pantofole, borsette, assorbenti, pannolini, termhos...

Ovviamente non si usa la lana grezza appena tosata ma il prodotto che se ne ricava dopo averla lavorata a lungo secondo modalità ci cui parleremo in seguito.
La lana grezza è selvatica, indomabile, senza forma e senza peso, contiene una moltitudine di corpi estranei ed emana un odore caratteristico di selvaggio e di libero. Chiamare tessuto questo caotico ammasso di peli è prematuro se non fosse che Gaia con semplicità e maestria lo lava, lo pettina e ne fa uscire una palla cotonata, morbida e pulita!

Il lavoro di infeltrimento comincia in questo momento e tutti i partecipanti fremono per scoprire i segreti di un lavoro artigianale ormai scomparso, le teste protese verso il tavolo osservano gli strumenti del mestiere: lana pettinata bianca (cioè del colore naturale), spazzola di plastica da “lavandaie”, acqua calda e saponetta.
La procedura è questa:
• con le mani si lavora la lana in modo da creare dei fogli da sovrapporre uno all'altro, i fogli avranno la forma che servirà a creare l'oggetto finale (nel nostro caso un grande rettangolo per formare una borsetta)
• gli strati si posizionano uno sull'altro cercando di separarli bene e facendo attenzione a non lasciare buchi tra uno strato e l'altro
• successivamente si immerge la spazzola di plastica nell'acqua calda e si versa a pioggia l'acqua che con essa si raccoglie
• si impugna la saponetta (meglio sapone di marsiglia) e la si passa grossolanamente su tutta la superficie creata dalla lana
• con le mani si “stira” il tessuto umido in continuazione
• si ripetono le operazioni continuamente fino a quando la forma comincia a diventare compatta e consistente e si nota che le fibre si sono incastrate saldamente tra di loro (questa procedura richiede molto tempo anche un'oretta!ma la si può fare in gruppo come noi o con i bimbi)
il processo simula la capacità dei capelli di diventare rasta, infatti tutti i capelli e i peli possono assumere questa struttura ma la lana è in assoluto il “pelo” migliore per gli scopi cui è destinata!

Chi ha le mani delicate dovrebbe usare i guanti in quanto un lungo contatto con saponette e acqua possono seccare molto la pelle.
Saponetta e acqua servono ad aprire le fibre del pelo che in questo modo si incastra nelle fibre del pelo vicino e questo incasto a catena serve a cementare le fibre tra loro e a rendere il feltro un tessuto particolarmente resistente, versatile e facile da lavorare.

Altra caratteristica del feltro naturale e locale è quella di possedere la sua naturale quantità di lanolina, sostanza indispensabile a proteggere il manto delle pecore e che rende la loro pelliccia idrorepellente e autopulente.
La prova dell'efficacia di questa proprietà è tangibile usando gli assorbenti lavabili che produce Gaia; io li ho provati e magia! Qualsiasi macchia (e voi sapete di quali macchie parlo) scompare se si lascia in ammollo il sopracitato accessorio femminile in acqua fredda qualche ora.
Vi giuro che non resta traccia di nulla e non serve strofinare o usare detersivi (tra l'altro operazioni sconsigliatissime con il feltro); siamo di fronte quindi ad un tessuto incredibile e ad altissimo valore etico.
Chi volesse poi regalare ai propri figli l'esperienza di fare pipì all'interno di una mutandina di lana grezza può acquistare i pannolini lavabili di Gaia dal suo sito:
www.gaiadilana.com

Gaia produce a mano splendide pantofole, borse e accessori vari e se girate le fiere del settore naturale la potreste trovare mentre lavora la sua amata lana dietro ad uno stand in mezzo al caos e alla folla...io l'ho conosciuta così.

Utilizzando e lavorando lana italiana Gaia:
• recupera un rifiuto
• lo trasforma in oggetti utili biodegradabili
• utilizza prodotti locali, a km zero e a filiera cortissima
• sostiene l'economia rurale e gratifica i pastori che preferiscono barattare la lana con Gaia piuttosto che gettarla come fosse un qualsiasi pattume inutile
• cosa incredibile nessuna fase della lavorazione crea inquinamento, non si utilizza nessuna sostanza capace di uccidere forme di vita (se non si tiene conto dei parassiti ovini!), non vengono utilizzate macchine o strumenti elettrici ma solo lavoro manuale ed energia umana
• Gaia si autosostiene e aiuta a sostenere la sua comunità
• Gaia è l'esempio di come un lavoro si può inventare, costruire giorno per giorno e soprattutto di come un mestiere possa regalare soddisfazioni e gratificazioni indipendentemente dalla busta paga
Conoscere Gaia è stata una grande fortuna, Gaia appartiene al patrimonio umano da salvaguardare e sostenere perchè quando scompariranno gli artigiani e gli antichi saperi tutti noi saremo più poveri e più incapaci che mai!
La più grande libertà non è vivere circondati da comodità e beni materiali ma è quella di saperserli costruire i beni che ci riempiono la vita, sapere che in qualsiasi momento si può fare a meno di petrolio, di supermercati e di macchine elettriche.
Chi di noi può dirsi così libero da autoprodursi il necessario?

Se continuerete a seguire il blog di Cesta di Artemide scoprirete che è nato un nuovo contenitore (www.erreallaquarta.blogspot.com) ricco di consigli e ricette su come avvicinarsi alla libertà di cui parlo. Scoprirete come farsi non solo il formaggio o il nocino ma anche la germogliatrice, la pasta di mais, monili e accessori moda con materiale di recupero, giocattoli a costo zero, ...Le cose che scoprirete aumenteranno di giorno in giorno non solo perchè 4 ragazze hanno deciso di dare corpo al magico mondo dell'autoproduzione ma anche e soprattutto perchè ognuna/o di voi è invitato a contribuire con le proprie conoscenze e il proprio bagaglio esperenziale.

Vi aspettiamo su:
www.cestadiartemide.blogspot.com
www.erreallaquarta.blogspot.com
Foto dell'articolo, la prima dall'alto mostra le 2 borsette nate dal laboratorio di feltro durante la serata informale tenutasi presso la Cesta di Artemide. Nelle altre foto si può osservaare Gaia mentre cuce e rifinisce le borsette in questione.

sabato 27 marzo 2010

3° incontro informale sugli eco-detersivi

Conoscere da vicino l'azienda Greenwood è stato molto più significativo che sentirne parlare o navigare nel suo sito. Oggi più che mai conoscere e parlare con i produttori ha una valenza senza eguali, vuol dire confrontarsi e stabilire insieme lo spirito di collaborazione che si ha intenzione di seguire. Jacopo e suo padre hanno portato l'elenco dei loro prodotti corredato di codice INCI (codice internazionale degli ingredienti di cosmetici e detersivi), in questo modo tutti i partecipanti hanno potuto non solo apprendere il reale significato delle componenti chimiche di detergenti e detersivi ma anche quali alternative meno inquinanti e tossiche esistono sul mercato.
Insieme ai titolari di Greenwood abbiamo anche capito quali motivi si celano dietro la necessità di utilizzare un componente piuttosto di un altro ritenuto meno dannoso per la salute; infatti anche nel campo della detergenza sono in atto diatribe molto serie sulla reale pericolosità di alcune molecole di sintesi diffusissime in questo campo.
I siti, i blog e i forum a tal proposito non si risparmiano e leggerli tutti sarebbe improponibile come complesso risulta identificare contenitori virtuali seri e autorevoli. Le cose più importanti che sono emerse durante la serata sono le seguenti:
la normativa attuale non prevede l'obbligo di scrivere in etichetta il codice INCI completo quindi chi lo fa si pone in modo trasparente nei confronti del consumatore.
I componenti in etichetta sono in ordine decrescente dal più presente al meno presente; al primo posto troviamo sempre acqua (scritto in latino aqua!), Greenwood utilizza acqua non calcarea.
Dopo l'acqua troviamo quasi sempre i tensioattivi (sodium coceth sulphate, decyl glucoside, sodium louroyl glutamate...), più alta è la concentrazione dei tensioattivi più il prodotto risulta sgrassante e aggressivo se i tensioattivi sono di origine petrolchimica;
il prezzo di un detergente dipende molto dalle concentrazioni e dalla qualità dei suoi tensioattivi
se i tensioattivi sono inseriti fra i primi posti negli ingredienti vuol dire che la loro presenza è alta
il sodium chloride è il normale sale da cucina (Greenwood utilizza sale nostrano!) utilizzato come addensante
dopo il sale possiamo trovare oli essenziali o parfum che servono a profumare, solo gli oli essenziali si possono considerare profumi naturali
altri componenti sono presenti per garantire la non deperibilità del prodotto e consistono nei parabeni (methyl paraben, butyl paraben, propyl paraben...)

Greenwood SI:
I detersivi e i detergenti Greenwood sono risultati:
ecologici
trasparenti
capaci di ridurre gli imballi perchè alla spina
convenienti
Greenwood NO:
La presenza di parabeni è stata criticata da alcuni partecipanti a causa della loro derivazione petrolchimica per questo Cesta di Artemide ha chiesto a Greenwood di creare una formulazione più idonea alle aspettative di un gruppo di acquisto motivato e attento.
Anche su questo fronte l'azienda si è dimostrata disponibile ad accogliere la nostra necessità di acquistare e scegliere un prodotto meno inquinante possibile.
Il prossimo passo sarà quello si scegliere il prodotto ai quali togliere i parabeni e con il quale sperimentare efficacia e deperibilità.

La Cesta di Artemide coglie l'occasione per ringraziare nuovamente l'azienda Greenwood che si è prestata a farsi conoscere, a rispondere alle domande scomode e che ringraziato i presente con una piccola scorta di prodotti omaggio.
Speriamo vivamente di poter crescere insieme rispettando ognuno le aspettative dell'altro.
Carolina
siti interessanti
www.promiseland.it
www.biodizionario.it

sabato 20 marzo 2010

Visita all'acquedotto di Luzzara (RE). Perchè bere l'acqua del rubinetto?


L'assessore all'ambiente Franco Parmiggiani ha invitato i genitori del nido di Reggiolo ad una visita all'acquedotto di Luzzara. La centrale distribuisce acqua non solo al comune ospite ma anche a Guastalla e Reggiolo. Io, madre di una bimba del nido, mi sono interessata alla cosa e ho ritenuto necessario condividere con tutti i visitatori della Cesta di Artemide il risconto di questa visita. Ho così scoperto che le falde locali contengono un acqua di qualità molto alta superiore alle mie aspettative e alla mia ignoranza in materia.
Sapete che 1000 litri di acqua del “Sindaco”costano solo 80 centesimi mentre 1000 litri di acqua confezionata costano almeno 150€ (le marche più econimiche)?
Ho scoperto con piacere che la nostra acqua non è meno salubre e sicura di quella della bottiglia anzi se ho deciso di parlare dell'acqua è proprio per dare informazioni certe sulla situazione dell'acquedotto locale. L'acquedotto di Luzzara attinge acqua da un pozzo situato a 40 metri sottoterra; la profondità e lo strato argilloso che sovrasta la falda isolano l'acqua dagli inquinanti di superficie.
Processi di potabilizzazione
Prima di sgorgare dal nostro rubinetto l'acqua subisce 2 filtrazioni importanti:
filtro biologico: rimuovono ferro, manganese e ammoniaca filtro a carboni attivi: i componenti organici restano intrappolati nelle porosità dei carboni disinfezione finale con biossido di cloro.

A parte il biossido di cloro l'acqua non subisce nessun trattamento chimico. Il biossido di cloro è un gas aggiunto all'acqua per renderla sicura e potabile fino alla fine del suo viaggio, per eliminarlo basta lasciare l'acqua a decantare alcuni minuti.

Controlli
pozzi: 1 contollo/2 volte al mese

impianto di filtrazione:(in/out) 2 volte al mese

serbatoi di stoccaggio
fontane pubbliche a rotazione ogni 15 giorni
scuole ed edifici pubblici
punti terminali della rete

Nel corso del 2009 sono stati effettuati 100 campionamenti per un totale di 1393 parametri analizzati. Nido, materne, elementari e tutti gli edifici pubblici richiedono regolarmente analisi puntuali per verificare lo stato dell'acqua che dalla rete pubblica giunge al rubinetto. I contolli quindi sono molteplici e incrociati tra loro così da tenere monitorata la situazione in modo costante e regolare;

Analisi chimica dell'acqua dell'Acquedotto di Luzzara
per valori completi

residuo fisso: 492,7 mg/l (classifica l'acqua minerale)
Durezza in °F: 38 (quantità di calcio e magnesio; oltre i 25° l'acqua è dura)
nitrati: 7.5 mg/l (valore limite per evitare effetti indesiderati sulla salute 50 mg/l)
nitriti : assenti (l'assenza di nitriti è un indicatore della qualità dell'acqua)


La moda di consumare acqua leggera, a bassissimo residuo fisso ancora non ha basi scientifiche; nemmeno il danno che crea il calcare sulle tubature è una prova che l'acqua dura sia pericolosa per la salute umana. Il calcio, il magnesio e gli altri minerali presenti nelle fonti naturali rispecchiano la geologia della zona e non creano nessun danno agli organismi viventi. Sicuramente consumare acqua economica e locale nuoce gravemente alla salute delle grandi marche di acqua; sta a noi decidere a chi regalare i nostri soldi ricordandoci che spesso le multinazionali utilizzano acqua di pianura o di acquedotto e che le bottiglie in cui viene conservata viaggiano a lungo, anche sotto il sole, anche per dei mesi e che sostano in magazzini di stoccaggio a volte umidi, a volte sporchi a volte al caldo a volte per tempi indefiniti.

La qualità dell'acqua del rubinetto è fortemente influenzata dalla qualità della falda da cui proviene; noi di Reggiolo, Luzzara e Guastalla siamo molto fortunati a poter attingere da una fonte sotterranea profonda e lontana da agenti inquinanti di superficie per questo buona regola e buon senso dovrebbero invitarci a bere l'acqua del “Sindaco” ogni qualvolta necessitiamo di bere e non soltanto per cucinare; anche i bambini piccoli e grandi possono tranquillamente bere e gustare l'acqua locale e a km 0 senza nessun timore per la salute ma anzi spendendo meno e utilizzando una risorsa controllata e controllabile.
Molti, compresa me, non acquistano acqua in bottiglia per evitare di produrre inutili imballaggi di plastica, altri lo fanno per risparmiare ma ora tutti noi possiamo trovare un motivo in più per favorire il consumo di acqua dal rubinetto non solo nelle case ma anche e soprattutto nei luoghi pubblici.
Aderiamo tutti alle campagne comunali, provinciali e regionali a favore del consumo dell'acqua dal rubinetto.
Aderiamo tutti al progetto IMBROCCHIAMOLA!

Ormai nessuno ce la può dare a bere!
Carolina Jimenez